La teoria del complotto è la meno scema

L’essere umano è fondamentalmente portato a dire la verità. Il bambino molto piccolo, per esempio, non sa mentire. Questo nostro arcaico istinto alla verità affiora nelle cosiddette gaffe. Già all’inizio della cosiddetta pandemia covid 19 sono state ripetutamente dette da più voci bizzarre frasi. Nulla sarà più come prima. Il mondo non sarà mai più come prima. Dovete abituarvi alla nuova normalità. Vi daremo sussidi, ma non è pensabile che certe attività continuino. Perché diavolo pronunciare queste frasi all’inizio di un’epidemia, in particolare di un’epidemia che tutti, Italia, Francia e Germania e così via, all’inizio hanno minimizzato fino all’effetto comico. Nella Top 10 su chi ha fatto l’azione più scema il ministro Speranza e ha finanziato coi quattrini pubblici un incredibile spot pubblicitario dove si invitava a violare le regole più elementari dell’igiene in caso di qualsiasi influenza con la delirante affermazione che il virus fosse poco, pochissimo infettivo. Le frasi sono completamente insensate: nei nostri travagliati millenni di storia sanitaria ed epidemiologica abbiamo visto di tutto, dalla peste nera alla spagnola, eppure nessuno epidemia ha mai modificato il tessuto sociale, resettato la civiltà. Si seppellivano i morti e i vivi continuavano a vivere. Non abbiamo smesso di vivere perché la morte la malattia fanno parte della vita, come la nascita, come la gioia. Non abbiamo smesso di vivere davanti epidemie che hanno ucciso una persona su tre. Non smettiamo di vivere tutti gli anni per l’influenza stagionale, che uccide lo 0,1% della popolazione. Uno scienziato di Stanford appena fatto uno studio, riportato anche dall’Organizzazione mondiale della sanità, in cui affermava che il virus era 54 volte più diffuso rispetto a quanto si pensava ad aprile e che quindi la sua mortalità, nelle persone al di sotto dei settant’anni, è lo 0,05%. Se calcoliamo anche luoghi non occidentali, l’Africa, si scende allo 0,005% Eppure incredibilmente per un virus a bassa letalità si sta distruggendo tutta una civiltà. Ed è stato preannunciato con le famose frasi insensate: sono riusciti a immaginarlo già prima, benché nulla del genere sia mai successo nella nostra storia! Che bravi! È stata distrutta la religione, con le sante Messe sospese persino a Pasqua. Si potevano però guardarle attraverso uno schermo. È stato abolita la scuola, dopo che per decenni abbiamo fatto corsi universitari e master sull’importanza della socializzazione. La scuola però poteva essere seguita attraverso uno schermo. Abolito il lavoro, fatti fallire i negozianti, ma si può acquistare attraverso uno schermo. Sia in Italia che in Francia supermercati aperti, ma con il divieto di vendere qualsiasi cosa che non sia alimentare che si potrà comprare quindi solo davanti a uno schermo. Sto cercando di fare il calcolo di quanti disoccupati e cassaintegrati stiano crollando nella disperazione. Riesco a tenere i conto dei suicidi. Tutte le persone hanno perso il lavoro, salvo quelle che possono lavorare davanti a uno schermo. Vietato sposarsi, andare al ristorante, andare a trovare qualcuno per una tazza di tea. Anche fare l’amore è sconsigliato, bisognerebbe darlo con la mascherina o non farlo proprio e restare davanti a uno schermo a guardare You Porn. Vivere è sconsigliato, ma se hai uno schermo c’è netflix. La parte più divertente è che quello preannunciato dalle le frasi insensate, benché appunto senza senso, si stanno verificando. Ci dicono che la salute è tutto? Idiozia, la libertà è tutto, tolta la libertà, anche la salute sarà perduta. Vivere è pericoloso, lo stato che è buono ci elimina il pericolo impedendoci di vivere. Può fermare il terribile virus solo un popolo fatto da isolati, ognuno nel suo box di due metri per tre con una grata per respirare, non è necessario mettersi in piedi, con i suo schermo per netflik, you porn, Messa, scuola, shopping, lavoro, scommesse. L’idea di fermare un virus è insensata. In virus si previene potenziando il sistema immunitario ( vit C, D, lattoferrina eccetera) e si cura con i protocolli del professor Cavanna che ha avuto lo 0% di mortalità ( aspirina, cortisone eparina idrossiclorochina, azitromicina, vit C ad alte dosi). Impedire il passaggio del virus è una follia, si può ottenere solo impedendo la vita. Il terribile Covid19 è sparito in Cina, e in Cina il PIL vola, e grazia a lui si è avuto il voto postale che ha affossato l’unico leader mondiale che teneva testa alla Cina. Persa la verità, la libertà è persa. Persa la libertà è persa anche la salute. Una nazione miserabile moltiplica la mortalità infantile e accorcia la vita di tutti. I bambini sono privi di scuola, folli e fobici, con la maestra che bercia” tuo nonno morirà per colpa tua!” a chi ha prestato la gomma a un compagno, gli imprenditori si impiccano e i disoccupati anche, le famiglie sono nella disperazione, le forse dell’ordine che multano e terrorizzano per comportamenti non solo leciti, ma irrinunciabili alla creatura umana hanno ormai la caratteristica di un esercito di occupazione, quindi prendiamo atto che è possibile prendano ordini mediati dal ministero degli interni ma partiti dall’estero. Da chi? La democrazia statunitense è stata distrutto. Anche nell’(inverosimile) ipotesi che non ci siano stati brogli, il voto postale è una follia, perché nega le due necessità del voto, segretezza e libertà e favorisce infinitamente il voto di scambio. Inoltre chi non se la sente di andare a votare, chi per il suo paese non ha nemmeno voglia di trascinarsi fino a un seggio, non si capisce perché debba avere voce in capitolo. Con il voto postale la democrazia statunitense è stata assassinata. La società è stata resettata, e il lato divertente è che il piano è stato preannunciato dalle famose frasi senza senso che però sono risultate vere. “Grande Reset” è un’idea presentata ufficialmente il 3 giugno, in un evento online con la presenza di tutte le, organizzato dal World Economic Forum, più comunemente detto il Forum di Davos, WEF e che ha visto un meraviglioso entusiasmo per la “pandemia”, finalmente gli animali selvatici si riappropriano delle città, i cervi pascolano nei parchi pubblici tra le giostrine dei bambini chiusi in casa: perché non sfruttare questa meravigliosa ’”opportunità” per “resettare” l’umanità e la sua maniera di vivere , e far nascere il “Green New Deal”. Nel ‘21 se ne parlerà a Davos, dove quindi si vedrà se questo spettacolare esperimento antropologico è riuscito. Alla modica somma di 4 euro e 99 centesimi , che forse vale la pena di investire, potete comprarvi su Amazon la versione digitale di “Covid-19: The Great Reset”, il libro scritto da Schwaab, fondatore e attuale direttore esecutivo del insieme a Thierry Malleret, direttore del Global Risk Network dello stesso World Economic Forum. Nel libro gli autori ammettono candidamente che milioni di posti di lavoro andranno persi e che le piccole e medie imprese saranno eliminate. Non per cattiveria, però. È parchè poi nasce l’uomo nuovo, che non vive e non sporca, così Greta è contenta e gli orsi polari pure, sta nel suo cubetto di plexiglass, a guardare Netflix e You porn, col reddito di cittadinanza che però perde se tenta di uscire dal suo cubetto. Una quarta rivoluzione industriale che passi alla completa digitalizzazione della vita, che risulta migliore se la vita è abolita. Lukashenko capo di stato bielorusso, afferma di aver ricevuto una stratosferica offerta di 140 milioni di euro, dal Fondo Monetario Internazionale per imporre gli arresti domiciliari al suo popolo. Le statistiche dimostrano che maggiore è il lock down maggiore il contagio: gli arresti domiciliare favoriscono il contagio di ogni virus influenzale che si trasmette al chiuso, e fa crollare difese immunitarie sia per mancanza di sole che per la disperazione. L’argentina dopo mesi e mesi di lock down hai contagi altissimi. E poi c’è la quarantena, sulla base di un tampone che per ammissione del suo stesso scopritore e falso positivo nell’80 % dei casi. Grazie al dannato tampone gente sana senza un colpo di tosse e una linea di febbre è costretta in casa, rinchiusa come un carcerato senza ora d’aria, trattato come un appestato e un untore. Già grandissimi gentiluomini parlano di andare a stanarli a casa. L’uso che si potrebbe fare degli alberghi ormai falliti è trasformarli in campi di raccolta coatta per gente sana dichiarata forse contagiata da un test privo di valore reale. Ci stanno resettando. Stanno resettando la nostra relgione, la nostra scuola, le nostre vite. Stanno resettando i comportamenti più normalmente umani, prendere una tazza di tea al bar, abbracciarsi, festeggiare Natale insieme. Ma forse non hanno calcolato la collera.

Commenti