Come si sopravvive alla morte di un figlio

Qualche anno fa ho incontrato a Roma i meravigliosi appartenenti all'associazione Piovono miracoli, che raccoglie i genitori e i fratellini dei bambini morti di cancro. L'associazione è stata creata dal papà e dalla mamma di Filippo Bataloni, la sua storia è raccontata in un libro che si intitola Con la maglietta al contrario, morto di leucemia a 9 anni dopo il terzo trapianto di midollo. il trapianto di midollo è veramente traversare una valle oscura
La "festa" perchè è stata una festa è stata chiamata Tutti i bambini tranne uno, è un riferimento a Peter Pan.
https://www.radioradicale.it/scheda/491428/tutti-i-bambini-tranne-uno/stampa-e-regime

Come si sopravvive alla morte di un figlio, o di qualcuno di molto amato? È decente anche sono cercare di soffrire meno dopo la morte di un figlio? Si sopravvive con la gratitudine perché quel figlio è esistito. Con il ricordo. Il ricordo di lui, della sua voce. Lo spiega bene Il Piccolo Principe, se hai amato qualcuno ti esponi al dolore della sua perdita o alla paura della sua perdita e la paura è dolore. Se non ami nessuno non soffri per la perdita di nessuno. Il neurologo Victor Frankl ha resistito in campo di sterminio tenendo l’attenzione suk momento in cui avrebbe ritrovato la moglie per dirle, guardami, sono tornato. La Germania fu sconfitta e lui uscì vivo dal campo di concentramento ma non trovò nessuno ad aspettarlo perché pochi giorni dopo il suo arresto sua moglie si era consegnata alla Gestapo nella speranza di poterlo raggiungere, e lei non era sopravvissuta. Per tutto il resto della sua vita Victor Frankl ha tenuto l’attenzione concentrata su quanto bello era stato avere avuto un amore così grande.

Commenti